Crea sito

Dimensione Internazionale

LA DIMENSIONE INTERNAZIONALE DEGLI SCOUTS D’EUROPA

Dimensione Internazionale

Dimensione Internazionale. La Federazione dello Scautismo Europeo ha, per sua definizione, una vocazione internazionale che si manifesta in maniere molteplici:
– tutte le associazioni nazionali aderenti hanno lo stesso distintivo e gli stessi testi fondamentali: Promessa, Legge Scout, Principi; anche molte Preghiere, nonchè molti canti, sono comuni;
– tutte le associazioni hanno lo stesso tipo di struttura e di organizzazione.
E’ la prima volta che nella storia dello scautismo internazionale si riesce a raggiungere un simile risultato.
Inoltre, si possono citare numerose attività od iniziative internazionali che, per altro verso, costituiscono altrettanti esempi di risposta concreta che gli “Scouts d’Europa” danno al problema – apparentemente arduo e di tanta attualità – della costruzione d’Europa.
Ogni anno, a novembre, i rappresentanti di tutte le associazioni federate si incontrano in Consiglio Federale per un proficuo scambio di idee e per la definizione di una comune linea di azione.
– Un bollettino di collegamento assicura la circolazione e lo scambio delle idee nella federazione.
– Ogni anno viene stampato un calendario, in 6 lingue: esso viene diffuso in tutta Europa.
– I campi di formazione per i Capi sono uniformati tra di loro ed hanno gli stessi contenuti in tutta Europa: esiste, inoltre, un campo di formazione europeo per i Commissari.
– Esistono campi-scuola bilingui (franco-tedesco, franco-spagnolo, ecc.).
– I campi comuni fra Unità di paesi differenti ormai non si contano più. Lo stesso avviene per i gemellaggi fra le Unità ed i Gruppi.
Periodicamente si svolgono incontri comuni a tutta la Federazione: a Lourdes nel 1978 1200 Capi, Rovers e Scolte di 7 paesi differenti hanno vissuto insieme una settimana di comune preghiera e cammino; ad Orleans nel 1980 ad a Troyes nel 1983 circa 3000 Capi Europei si sono incontrati per giornate di discussioni e di preghiera; a Velles nel 1984 6000 fra Scouts e Guide provenienti da tutta Europa hanno partecipato all’EUROJAM, quindici giorni di campo internazionale ; ad Assisi nel 1985 si sono incontrate le Scolte; in Normandia nel 1987 ed in Canada nel 1988 si sono svolti altri incontri per Rovers e Capi.
– A novembre 1982 circa 180 Assistenti spirituali provenienti dai diversi paesi d’Europa si sono riuniti, a Roma, per dibattere insieme il tema della Catechesi e della Direzione Spirituale.
– Numerosi ragazzi e ragazze hanno allacciato corrispondenze epistolari scouts in lingue diverse; spesso accade che essi e le loro famiglie si incontrino durante le vacanze, oppure realizzino degli scambi di ospitalità reciproca.
– In Friuli e nel meridione d’Italia, in occasione dei due terremoti, accanto agli Scouts d’Europa delle varie regioni italiane, hanno operato anche ragazzi e ragazze provenienti dalle varie Associazioni di Scouts d’Europa di Francia, Austria, Germania, ecc.
Da parte nostra, noi Guide e Scouts d’Europa, affermiamo che:
– si costruirà l’Europa iniziando a costruire se stessi, ed iniziando dalle dalle radici che ciascuno di noi ha nella propria famiglia, nella propria città, nella propria regione, nella propria nazione; cominciando, cioè, da quelle realtà e comunità naturali dalle quali parte la costruzione di una “dimensione Europa”;
– per unirsi agli altri e costruire qualche cosa insieme non bisogna cercare un livellamento verso il basso; ma, al contrario, occorre sorpassarsi e “raggiungersi verso l’alto”, assumendo in pieno le proprie caratteristiche e la propria personalità;
– “l’Europa può conoscere un rinnovamento della civilizzazione cristiana attraverso uomini che sappiano che il loro destino soprannaturale oltrepassa le strutture temporali”; è per questo che la F.S.E. “lavora per l’unità dell’Europa e vuole contribuire a renderle la propria anima, adoperandosi per far nascere una nuova fraternità dei popoli in Cristo”.

error: BLOG UFFICIALE del GRUPPO SCOUTS PESCARA 2 FSE - @ Copyright 2020 - Tutti i diritti sono riservati.